LE RIVELAZIONI DEL NITIDISSIMO CIPPO DELLA FRAZIONE << MASTRALESSIO >> DI ANZANO DI PUGLIA (FG) SUL CULTO DI ECA (= ECUBA) QUALE MATER IDAEA E SULLA IEROGAMIA.
LE NOVITA' DI UNA DELLE POCHE EPIGRAFI GRECHE IN LIMPIDI CARATTERI LATINI.

Il presente saggio costituisce il cap.XXI B (in continuazione del cap.XXI A per le analogie col culto di ECA AFEA riscontrate sullo stemma di Trevico(AV) con serpenti a testa di cicogna) del presente volume archeologico, assai ampio, completamento e summa d'una serie omogenea in sei volumi.

Del saggio siamo debitori al benemerito periodico VICUM attraverso la cortesia del suo Direttore, l'amico Dr. Salvatore Salvatore, nell'ultimo incontro del 29 Settembre 1991, e attraverso una figura e un articolo assai interessante dello studioso Michele Auciello, << PATENTATI DELLA REGIA DOGANA DI FOGGIA NELLA BARONIA >>( nel numero di Dicembre 1990).
Il cippo riportato nella figura,con la sua epigrafe greca in caratteri latini ( una vera rarità su un cippo così notevole) non si adattava all'articolo, ma l'articolista ha reso uno straordinario servigio alla cultura proprio attraverso il suo felix error, che è comprensibile in quanto determinato dal trovarsi la pietra sulle vie della transumanza e favorito dal testo assai insidioso a causa soprattutto dei vocaboli delle linee superiori, deformati per l'interferenza di alcune figure ( determinante soprattutto il secondo vocabolo, IDAEA, che può passare per ( come per un vocabolo nello stemma antico di Trevico) per una moderna data ( 1754 o 1564).

Lo studioso, con grande onestà anche intellettuale, già precisava che << la lettura è dubbiosa>> e che << qualsiasi tentativo d'interpretazione resta largamente approssimativo>>.La figura - trasformata in diapositiva - ha rivelato, attraverso l'esame microarcheologico, i millenari segreti del cippo, sulla linea di decine e decine di reperti, anche molto più ardui, da noi illustrati in un venticinquennio. Riportiamo, intanto, i dati tecnici sulla scorta delle indicazioni dell'Auciello, in attesa dell'esame diretto della pietra.Luogo di rinvenimento: la Frazione << Mastralessio >> di Anzano di Puglia (è strano che, trovandosi il reperto in luogo di dominio pubblico,esso non sia stato riportato precedentemente in altre pubblicazioni su Anzano ); forma e materiale: cippo grosso modo cilindrico di marmo grigio; dimensioni: cm 23 per il diametro e 42 per l'altezza della parte emergente. Posta su una delle vie della transumanza, la pietra è << fissa nel selciato della Fiumarella >> che attraverso la Frazione << Mastralessio >>da Grottaminarda conduce al Tratturo Pescasseroli - Candela. Sigla del reperto potrà essere CI.E.GR.AN. (CIPPUS ECAE GRAIAE ANXANENSIS).
Il cippo presenta a sinistra una grande testa femminile in profilo destrorso con sulla chioma l'epiteto AFEA (ep.I), << Liberatrice >>, già incontrato nello stemma di Trevico con le cicogne serpentine, con la differenza che in quello la < liberazione > era vista dalla parte femminile , in questo , invece, viene presentata dalla parte maschile, non per malformazioni particolari, ma come emissio seminis nella ierospermia. La grande epigrafe a destra (ep.II ) si presenta con sei vocaboli sovrapposti in sei distinte linee. Il testo - che è di matrice ellenica, se pur in caratteri italici,come per lo più le epigrafi della Statua di Accadia e le altre dauno - irpine, risulta il seguente all'esame microarcheologico:

DANAE
IDAEA
TURIA
ECA?
GRAA?
EIZAO ( con a min. in O).

Il senso è il seguente: << offerte idee (= come si fanno alla Gran Madre Idea) seminali (= con la ierospermia) a Eca ( = Ecuba) vecchia poni >>. I caratteri sono alquanto abrasi, irregolari e approssimativi, tranne - per fortuna - nei vocaboli chiave ECA e GRAA·.La prima lettera di DANAE, combinata con l'ultima (pur essa più appariscente ) di esso ha portato ad A D ( Anno Domini ) nella lettura dell'Auciello; IDAEA ( per IDAIA ) poteva sembrare anche una moderna data, 1564 notata , e TURIA può sembrare anche TUNA ( donde l'UNA dell'Auciello); l'ultimo vocabolo, EIZAO presenta una lettera greca minuscola incorporata in O, l'alpha, come ad indicare che la pronuncia ne era molto attenuata: ECA e GRAA presentano un punto in alto, a destra, per indicare che le due A finali valgono il dittongo greco AI, ridotto ad A con I (iota ) ascritto. Dopo l'esame grafico,ecco l'esame linguistico.DANEA è il neutro plurale di DANOS, << offerta >>, senza contrazione finale ( DANEA per DANE ); IDAEA ( = IDAIA) è in riferimento alla Mater Magna Idaea, il cui nome è rimasto nel toponimo << Accadia >>, da Acca ( = Madre ) Idaea (epiteto polivalente, il cui senso più corrente è quello di << Vedente >> e << Provvedente >> );
TURIA è l'adattamento italico del greco thoraîa (agg. neutro) col valore di << seminali >>, << procreativi >>, ricorrente nei cippi dauno - irpini; ECA ( per ECAI ) è la forma abbreviata di Hecuba ( in gr. HekàbE ), ed è insieme teonimo e toponimo ( così Accadia e Troia, che, però, normalmente era Aecae nel Cluverio, nel Di Meo ecc.); GRAA., come nel caso di ECA, di cui è epiteto, segnala col puntino la omissione della I nel dittongo dativale; il termine, che in greco presenta anche iota intervocalico ( graia ) , letteralmente vale << a ( Eca ) vecchia >>, ma l'aggettivo, qui , è da intendere in un senso particolare, in armonia con uno dei sensi di graûs-graîa, << vecchia >>, << pellicola del latte >>, << pellicola ombelicale >>; pellicola in malformazione ostruente l'utero, per cui la donna che ne è affetta, pur anagraficamente giovane, diviene equiparata a quella che non può avere più figli per vecchiaia. EIZAO ( per EISAI ) è la 2ª persona dell'imperativo aoristo medio di (s)izo,<< collocare >>.Vi notiamo la riduzione di S (sigma) a Z e in desinenza AO per AI (la A - alpha - è nell'O perché debolmente pronunciata). Per questa Ecuba vecchia da ingravidare cfr. Anna, ONKIATA, di Torre Annunziata (cap.XXXI) e la vecchia Mater Matuta di Capua, col nome di Anna nel cap.XL A.

In questa, che è una delle poche epigrafi limpidamente greche che ci è capitato d'incontrare nella zona dauno-irpina, e una delle rare in caratteri latini, troviamo insieme i caratteri propri della grecità occidentale, come la tendenza alla deaspirazione delle consonanti ( psilosi: th ridotto a t in TURIA ), l'inasprimento della sibilante s in z ( EÎZAO per EÎSAO ), la caduta di I semivocalica ( GRAA per GRAIA ),la mancanza di contrazione ( distrazione: DANEA, per DANE ) l'incupimento di o in u ( ancora TURIA per THORIA, con significativa interferenza di tyrós, << formaggio >>,in una società pastorale). Mancano quelle divergenze più vistose che facevano tacciare di opicismo ( correzioni nella lingua greca a contatto con la gente osca detta grecamente opicia: v. la Statua di Accadia), i Greci o Grecizzanti della Magna Graecia ( in Oriente vi erano i solecismi, per i Greci - specie della città di Soli - a contatto con le genti asiane). Ed ecco a vari livelli ( culturale, toponomastico, folkloristico ) i riflessi del Cippo di Anzano.


Ci troviamo davanti a una esplicita epigrafe di pietra della ierospermia: una di quelle sacre pietre sulle quali i fanciulli giunti a pubertà davano prova pubblicamente della loro virilità e passavano tra gli efebi e gli adulescentes; pietre, queste, dette troiane ( v. ACI TROS sulla Statua di Accadia, SAE, III, 53 b ecc.) non perché di provenienza troiana ( era questo che tendevano a far credere, per la copertura nazionalistica,gli ambienti sacerdotali, greci e filogreci col mito delle pietre troiane di Diomede in Daunia), ma perché il toponimo Troia aveva la stessa etimologia di thorà, << seme >> ( di qui i vari toponimi Thurii in Apulia, nel Bruttio o Calabria, in Lucania, con Accettura, ecc.). Con queste pietre e con questi riti i Dardani si proponevano originariamente, oltre che di controllare la virilità dei loro giovani, anche di offrire un nutrimento sacrale ai propri defunti, dato che la sacra effusio seminis o ierospermia avveniva su pietre funerarie ( cfr. per le Stele Sipontine il FERRI, cit., SD. II, 1963; IV 1964, p. 13; V 1965, p. 149 ecc.); poi a tali riti vennero sostituiti e abbinati riti sacrificali e libagioni a base di latte, miele e simili; indi su pietre così inseminate presero l'abitudine di frizionarsi le loro donne sterili e presunte tali per il recupero della fecondità ( ciò, prima di organizzarsi per l'inseminazione artificiale con arnesi come quelli del Cippo di Trevico ). Ma la ierospermia, una volta introdotta dai Dardani, a cultura patriarcale, nell'ambito matriarcale mediterraneo, aveva anche l'intento di provare che alla base della procreazione vi era il maschio e non già la donna, come tendevano a far credere le sacerdotesse del luogo per conservare la struttura matriarcale. Una testimonianza del valore ingravidante di queste sacre pietre era stata offerta dalla Statua di Accadia con varie epigrafi, fra cui MYLE OYFITA EXABEC ( SAE, IV, 52; F = PH, X = K, C = S ), << pietra ingravidante di Ecuba >> (da OYFITA l'idronimo << Ufita >> nella nostra zona ). Come i Greci avevano coperto col richiamo a pietre delle mura di Troia tali conturbanti riti, così per farli definitivamente dimenticare, in età cristiana, si ricorse opportunamente al culto dell'Apostolo Pietro: di qui i tanti toponimi della zona nostra e di zone lontane, trattandosi di riti generalizzati. L'aggettivo IDAEA (riscontrato anche sul Cippo di Trevico ) dimostra in modo vistoso che avevamo visto giusto nel pensare, sin dal 1970, al culto della Mater Magna Idaea, nell'ambito dauno-irpino e oltre, e nel trovare in Acca Idaea l'etimo del toponimo << Accadia >>, abbandonando la copertura dell'acqua, che tanto ancora piace a certi ritardatari.E luminosa è anche la conferma che ci viene dal vistoso ECA, che avevamo incontrato mille volte, ma mai in modo così lampante. Esso è il nome abbreviato greco ( da HekábE, lat. Hecuta ) della Gran Madre Idea e perciò lo si incontra in svariate zone, mentre come toponimo è limitato, al pari di Acca Idaea, ad Accadia e , in parte, a Troia ( che però si chiamava Aecae ).


Attraverso il culto di Eca (la grande Acca) si spiegano vari toponimi della nostra zona: abbiamo già visto << Trevico >> (da TriVeca), ma vi è anche il caso del glorioso Casale di << Contra >> (presso Scampitella), derivante il nome da Eca ( o Acca ) Hontra ( Eca Infera ), e vi è il caso di << Calitri >>, derivante il suo nome da Eca ( o Acca ) Aletria, << Eca Salvatrice >> (cfr. gli Aletrini di pliniana memoria ). A proposito degli Aletrini (da Alek- trini ) va ricordato che, già in tempi lontani, avevamo riportato ad Alekandra ( lo stesso che Alexandra, per cui cfr. il monogramma di Licòfrone) - significante << Allontanatrice >>, << Salvatrice >> - il toponimo << Casaleandra >> (detto anche << Casalgrande >> e << Casalianni >>), interessante S.Agata per l'agro e Accadia e Anzano per vicinanza e cultura: infatti Alexandra è epiteto originariamente di Ecuba, passato poi alla figlia Cassandra. Ed ora ecco questa frazione di << Mastralessio >>, in cui compare il cippo in esame con l'epiteto AFEA << Liberatrice>>, già visto per Trevico; la tradizione popolare di Anzano attribuirebbe il nome << Mastralessio >> a un immigrato calabrese che sarebbe ivi arrivato nel secolo scorso; può darsi; il fatto è che << Mastralessio >> ( con interferenza di mastrós << mezzano d'amore >>) sa tanto di Mater Alexia << Madre Salvatrice >> o << Liberatrice >>, proprio come Alexandra di questa area e la Libera di Trevico…


Vi è poi il significato particolare di ECA GRAA ( << Ecuba Vecchia >>),che, chiarito sul piano biologico (ostruzione dell'utero con pellicola), ha riflessi anche sul piano culturale e folkloristico. Vi è dalle nostre parti una festa popolare detta << Seca-Vecchia>> (o con altro nome analogo); è una festa di mezza quaresima comportante il rito della rottura d'una << pignata>> (il termine è connesso con la pigna del culto di Attis; ma vi è di mezzo anche la forma << mbigna>>, che è il genitale femminile). Dunque <<Sega-Vecchia (che ricorda da vicino ( V )Eca Vecchia o ( S ) ECa Graia) e la rottura della pignata alludono entrambe alla liberazione dell'utero ostruito; ma vi è di più; la quaresima ( a Calitri personificata e festeggiata come << Quarantana>>, una vecchia nero-vestita e ornata di sei penne nere e una bianca: gli stessi colori della gazza e della cicogna, simboli zoomorfi di Ecuba e Cassandra), la quaresima - dicevamo - ha inizio con l'imposizione delle ceneri; rito che era già degli antichi progenitori dardanii ( di cenere si copre il capo Achille, per la morte di Patroclo, e di polvere si copre Priamo all'annuncio della morte del figlio Ettore, pianto poi da Ecuba come una Mater Dolorosa); ma già per i pagani la cenere era la copertura d'un rito più conturbante; infatti spodós, << cenere>>, suona proprio come sporós, <<seme genitale>>. Ora, attraverso il sovrapposto simbolismo cristiano apprendiamo che la ierospermia avveniva un po' prima della primavera, in preparazione del ver sacrum (<<Primavera sacra>>). Questo capitolo, come i tanti che formano questo volume, mostra che la micro-panarcheologia, oltre a partire dalla concretezza dei documenti per l'indagine archeologica, segna anche il recupero del patrimonio toponomastico culturale e folkloristico dei nostri paesini, con spiegazioni puntuali e convergenti. Ad es., il toponimo << Anzano >> nasce dall'incrocio di Asanum (<< luogo della ásE o << ierospermia >>) con Anxanum, << luogo del culto di Anxa >> ( =Anxia o Anctia ), la dea Cicogna, l'uccello anguicida che giunge ( o almeno giungeva ) ogni anno a primavera, segnando l'inizio del Ver Sacrum e della transumanza estiva, come si è anticipato nel saggio sul cippo di Trevico. Oltre al profilo destrorso della dea, a bocca socchiusa, il cippo presenta anche altre figure interferenti nelle letture (donde la voluta malformazione di questa); ma sono segni meglio visibili con diaproiezione ( nudi, animali, ecc.).


La faccia sinistra del Cippo presenta verso destra il cornigero profilo del pàredro aretino della Gran Dea e poi il volto radiato della dea stessa; coricando la faccia sinistra lungo il suo lato sinistro, si ha un'originale raffigurazione zoomorfa della tricipite divinità; un animale bifronte, e bicipite nel senso destrorso, con testa sinistrorsa di orso, dietro e doppia testa di cinghiale e di lepre o coniglio, a destra, Nella simbologia erotico-sacrale l'orso da una parte allude ad amori innaturali, per l'abitudine del plantigrado femmina di leccare i suoi piccoli, e dall'altra rimanda al mito di Alessandro-Paride, che da un'orsa fu allattato sul Monte Ida ( Alessandro e Alessandra, i due pariedri, sono alla base di Alexia di << Mastralessio >>). Gli altri due animali simboleggiano la prolificità. Un gruppo di almeno tre persone appare sotto. Questo presenta l'insieme di faccia posteriore con faccia destra del cippo nella sua forma originaria d parallelepipedo arrotondato.

Il saggio è tratto dal Libro di Erminio Paoletta:
«Le pietre dimenticate ricordano»
Laurenziana - Napoli
1993, pag.386.
Viene qui pubblicato per gentile concessione
dell'autore, a cui va il nostro grazie.


Altri articoli in questo tema